Quando la stagione estiva si avvicina fervono i preparativi per andare in vacanza: campeggio, villaggio turistico, gita in camper, la scelta è ampia e ognuno secondo le proprie possibilità e i propri gusti decide quale sia la meta ideale. Spiagge con sabbia fine, mare cristallino e zone verdeggianti sono la costante che si cerca nella vacanza perfetta, il resto dipende molto da come si è abituati a organizzarsi.

 Le caratteristiche che deve avere una tenda

Catino integrato, ventilazione, cuciture saldate e tenuta contro pioggia e fuoco sono le caratteristiche più importanti di una tenda da campeggio. Sono gli aspetti che riguardano soprattutto l'isolamento della tenda dall'acqua e che contribuiranno a creare un clima confortevole - e salubre - all'interno della vostra abitazione per le vacanze. Fidatevi non c'è nulla di più terribile che svegliarvi con l'umidità della condensa della notte o con la sensazione di bagnato sotto i piedi.

Purtroppo, queste caratteristiche, non sono sempre date per scontate nelle tende di fascia di prezzo più bassa, ma se avete deciso che il campeggio sarà parte attiva delle vacanze per molti anni a venire, valutate l'investimento.

Qual è la tenda migliore per...?

Una giovane coppia

È il campeggio più bello. Quello del mordi e fuggi. Fatto di cose "ancora meno dell'essenziale"... sempre che non abbiate una compagna patita di scarpe

Si parte da casa, si pianta la tenda e dopo qualche giorno si riparte per una nuova destinazione. Sono gli anni del campeggio itinerante, del due cuori in un igloo, di ogni tre/quattro giorni una piazzola diversa.

I ragazzi che si avvicinano a questo genere di campeggio difficilmente stazioneranno e avranno bisogno di un fornelletto per cucinare. Si mangia fuori - vista mare - o al camioncino dello streetfood.

Se rientrate in questa categoria di campeggiatori, puntate tutto sulla praticità. Una tenda "2 seconds" potrebbe essere quello che fa per voi... e se vi serve posto in tenda per le scarpe, scegliete un modello tre posti, invece che due!

Cicloturisti

Quando si fanno le vacanze in bicicletta, dobbiamo essere consapevoli che ogni cosa che caricheremo nelle borse, avrà un peso... e che dovremo spingere o tirarci dietro qualora avessimo un carrellino agganciato alla bici. L'importante quindi per questo genere di campeggio è verificare i materiali, gli ingombri e i pesi.

Il bagaglio in bicicletta è ridotto veramente all'indispensabile e ci servirà quindi una tenda ultraleggera, preferibilmente tecnica e che possa contenere all'interno lo spazio del bagaglio.

I modelli si differenziano poi: in base ai tessuti (ci sono tende "quattro stagioni" o quelle prevalentemente più estive), alla presenza di picchetti o meno (tende freestanding o semi-portanti) e quelle che hanno la camera interna separata dal telone esterno.

Supersportivi

A braccetto con chi sceglie le vacanze in bicicletta, c'è il backpacker o lo sportivo che da appassionato di trekking vuole campeggiare sotto le stelle e lontano da qualsiasi forma di camping attrezzato. Atteso che, purtroppo, il campeggio libero non è sempre consentito in Italia, ai supersportivi non resta che cercare la propria tenda tra gli scaffali dei negozi specializzati, dove svettano marchi come Ferrino, Salewa, Bertoni e Camp, solo per citarne alcuni.

Le tende di taglio sportivo sono solitamente da una o due persone al massimo e per scegliere quella giusta per voi, in questo caso, dovrete prestare anche attenzione alla forma della tenda e la vostra corporatura. Se siete dei nanetti come me - che arrivo al pelo al 1.60cm - avrete la sicurezza di star comodi quasi dappertutto, ma se al contrario siete sopra il metro e ottanta, controllate molto bene le misure interne e come taglia in verticale la tenda, evitando di ritrovarvi così a dormire con il telo interno attaccato al volto.

Tende per famiglie

L'universo del campeggio con bambini è forse quello più difficile da catalogare, proprio perché ci sono esigenze molto soggettive che dipendono dall'età dei pargoli e dal grado di organizzazione che vogliono mantenere i genitori in campeggio. Se avete girato tra le piazzole ve ne sarete resi conto: si passa da quelli super organizzati, dotati persino di aspira briciole elettrico, a quelli che "bastano un materassino e via". C'è poi chi predilige un campeggio con bambini più stanziale, a quelli che non rinunciano - neppure con i bambini - alle vacanze itineranti.

In linea di massima  le tende tunnel sono l'ideale per una famiglia. Comode da montare, alte quanto basta per starci comodi e guadagnare spazio per l'appenderia anche sopra la testa, sono generalmente dotate di zona notte sul fondo (con camere attigua per la sicurezza dei pargoli) e di zona giorno (comoda per giocare, cambiare i pannolini, vestirsi o riporre la spesa, borsoni e giochi del mare), verso l'uscita. In alcuni modelli è anche possibile attaccare una veranda per rendere ancora più spaziosa l'area interna e utile per separare scarpe, attrezzi, ombrelloni e giochi, dalla zona "living".

Di ultima generazione e adatte a chi predilige il campeggio itinerante, le tende air sono ideali a chi non vuole tribolare troppo a lungo nel "monta-smonta l'accampamento". Noi l'abbiamo appena provata e ne siamo entusiasti!!

Se siete amanti del mare e sapete a priori che non andrete MAI in campeggio in montagna, potete cercare la tenda che fa per voi anche in funzione dei materiali in cui è costruita: le tende in "polycotton" (un tessuto di cotone molto resistente) sono sensibilmente più fresche e traspiranti rispetto a quelle interamente di poliestere. Una tenda realizzata con questo materiale sarà anche più pesante da montare, da trasportare (valutate anche l'ingombro nel bagagliaio che a volte quando si viaggia con i bimbi non basta mai), ma sebbene più costosa, avrà una tenuta e un'affidabilità superiore rispetto a quelle di normale poliestere.